• Autore
    Articoli
  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    da qualche tempo che sto provando questo software, che si basa sulla modellazione voxel, devo dire che lo trovo veramente fatto bene, è nato per le applicazioni iperorganiche,cartoons, videogiochi(?)

    l’indagine che sto facendo è come possa essere applicabile a mondi più vicini al design, a livello di concept e “schizzo” per poi essere filtrato in rhino o programmi nurbs.

    L’esportazione in .obj consente le normali operazioni sulle mesh, sarebbe da provare con t.splines

    Nel settore gioielleria potrebbe suggerire approcci diversi con risultati molto vicini al gioiello etnico e fatto a mano

    ecco un video che potrebbe essere illuminante:

     

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    per esempio i fillet, situazioni impensabili con altri SW non basati su voxel, qualcuno sa se Max ha opzioni simili?

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    riccardo gatti
    ho provato 3DCoat per texturizzare un oggetto biomorfo… Fighisso!!!!

    Facile e performante.

    Da possedere.

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Marco Maggioni
    interessante, approccio tipico del character modeling analogo in altri pacchetti….. MudBox, Sculptris della Pixologic, ecc. ma il massimo resta Z Brush 4 nella nuova release 2.0!

    3D max ha funzioni di painting 3D ma Zbrush resta insuperabile.

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Marco Maggioni

     

    Zbrush in action….

    .

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Giorgio Gurioli
    certo Marco

    Z Brush è un Sw più maturo e strutturato, devo dire che tempo fa ho tentato un approccio al programma , ma l’ho trovato piuttosto complesso e la curva di apprendimento piuttosto ostica…

    Senza togliere nulla alla senzazionale performance del z-brush, voglio invece sottolineare l’approccio pionieristico di 3Dcoat.

    Innanzi tutto a differenza dei software da te citati questo lavora con i voxel, cioè pixel volumetrici utilizzati fino ad ora in ambito scientifico e medico. riporto qui le spiegazioni che offre il manuale d’uso di 3dcoat:

    ” Scolpire con i  Voxel: si opera sul volume e permette di scolpire senza vincoli topologici e fare dettagli complessi dal nulla. È possibile modificare la topologia come si desidera. Questo approccio fornisce una sensazione di assoluta libertà in scultura. Non è basato sulla deformazione della superficie ma al volume di costruzione e di riempimento.”

    L’immagine sopra riportata evidenzia la differenza molto importante sia  visiva che tecnica tra superficie e scultura voxel.

    ( la sup è quella nera sottesa ai voxel, notare che la precisione è assolutamente approssimativa)

     

    Ma cosa sono questi voxel ? Sono valori [0 .. 1] posto in una griglia cubica. La superficie è posta sulla isosuperficie cui valore è pari 0,5.

    In poche parole: voxel sono punti nello spazio 3D che contengono informazioni sul volume e colore.

    Questo metodo unico di scultura  voxel  è simile alla scultura in argilla tradizionale. Se avete bisogno di scolpire  un orecchio, è sufficiente iniziare a scolpire l’orecchio. Stessa cosa vale con le braccia, o gambe, o qualsiasi altra cosa e questo a differenza di mudbox e sculptris in cui devi prima raffinare  le mesh per aggiungere dettagli ( aggiungo io)

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Marco Maggioni
    ciao Giorgio, non dubito delle potenzialità dell’approccio via Voxel, ma dai un’occhiata a questo video dove si illustra la modellazione di un elmetto alieno…. come vengono creati offset, fillet, tagli, ecc. , ecc. approccio straordinario se pensato al design. Mi ha colpito non poco  questo tipo di funzionalità, la complessità di dettaglio molto “product oriented” si sposa con libertà immaginifica di morfogenesi….. Sto valutandolo.

     

    http://www.pixologic.com/zclassroom/homeroom/tutorial.php?lesson=he

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Giorgio Gurioli
    bueno Marco!

    modellazione notevole e molto intrigante..

    come immaginerai quello che mi sta appassionando è la modellazione voxel, a prescindere dal software che la utilizza, l’idea dei pixel volumetrici di riempimento mi solletica non poco.

    I nuovi strumenti sono spesso forieri di intuizioni formali e di nuovi  linguaggii espressivi, diciamo che l’approccio potrebbe essere rovesciato: ottenere risultati inediti lasciandosi  andare alle suggestioni degli strumenti che si vanno ad utilizzare.

    In fondo in nostro mix si occupa di questo, strumenti e creatività

    cosa ne pensi?

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    il nostro omix versione coat

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Piccolo esempio di come integrare 3d coat con rhino

    apro 3d coat e selezione il pulsante “merge”, dove posso creare nuove librerie o aggiungere oggetti in quelle presenti

    cliccando sul tasto +

    con un semplice clic importo nello spazio di lavoro in 3dcoat

    dove posso scalare, posizionare per poi dare l’ok.

    assemblare oggetti è un gioco da ragazzi, posso decidere di unirli in un’unica geometria , parti separate o sottratte

    la cosa interessante è  la possibilità di smussare un modello grezzo e squadrato

    ottenuto con una veloce estrusione in rhino

     

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    pietro meloni
    Per lavoro, sono “costretto” (in realtà è un piacere) a provare continuamente software diversi.
    Con i modellatori SDS la cosa è particolarmente complicata. In generale, l’interfaccia di questi strumenti (da modo a ZBrush) è veramente criptica. E’ necessario molto tempo per familiarizzare a sufficienza per poter esprimere in un modello 3D un concetto, concentrati sul concetto anziché sull’uso del programma.
    Con 3D Coat non ho avuto questa impressione: anzi. Devo dire che ho comincato a divertirmi dopo pochi minuti. Per questo, lo stesso giorno lo ho aggiunto al catalogo ShareMind. Penso che soprattutto per un creativo (la maggior parte dei miei clienti), la possibilità di usare un programma in modo fluido e intuitivo sia veramente essenziale. Forse viene prima della presenza di migliaia di comandi, dei quali gran parte spesso finisce per rimanere inutilizzata.

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Giorgio Gurioli
    ciao Pietro

    vero quello che dici, anch’io ho avuto la stessa senzazione se poi penso a Z-brush mi scoppia la testa…

    come avrai notato sto cercando di unire in una sorta di campo unificato diversi approcci progettuali e strumenti complementari tra loro.

    3d coat si presta piuttosto bene per una rapida modellazione, per l’import di librerie da rhino ( sempre in obj)  con ottima definizione e precisione, la possibilità di un painting senza grosse interruzioni tra le superfici  e che andrebbe affinato, ottimo per textures, brush ecc.

    inoltre un re-topology molto produttivo, così da reimportare in t-splines le geometrie e permettere anche un passaggio,se necessario alle nurbs.

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Giorgio Gurioli
    nel video viene mostrato l’ utilizzo delle librerie, che potrebbero essere create con rhino ed esportate in formato.obj in 3dcoat,
    il vantaggio che in rhino si possono creare solidi accurati e rispondenti alla realtà, per esempio i componenti di una bicicletta: manubrio, telaio, pedali ecc per poi assemblarli in 3dcoat, con quali benefici?
    naturalmente per sperimentare velocemente,
    poi in presentazioni in cui si vogliono utilizzare le qualità del painting sulle superfici, diciture in rilievo, sfumature ad aerigrafo, schizzi di fango, texture calibrate e differenziate.
    nella modellazione: rapidità negli smussi e raccordi, simulazione di saldature a filo, deformazioni e aumento dei dettagli, cavetti corrugati, guaine ricavate da una curva..

     

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Inno

    Tanta roba!

    però ho questo “blocco”, che sicuramente dovrò far psicanalizzare un giorno, che quando si parli di mesh, nuvole di punti, voxel ecc etc si cada nel “impreciso”… dove “impreciso” è senza orma di dubbio parola non corretta per definire la situation, direi piuttosto “meno controllabile”
    io sono nurbs & parametric inside 🙂

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    giorgio

    “precisione” è un termine relativo, per esempio se tracci una curva nurbs di grado 3 o superiore, quindi con un raggio variabile, decidi tu che andamento avrà ( in freeform) e sarà suscettibile di essere bella per te, meno bella per altri ma pur sempre con dei parametri che potrai modificare. Nessuna differenza con una mesh,che pur sempre è parametrizzata e decidi tu il suo andamento e le sue modifiche…. quindi se parliamo di freeform non vedo differenze.

    gli oggetti con forme “organiche”  sono in questa categoria ( e tanti ne ho fatti)   li realizzi con modellatori poligonali, nurbs freeform, plastilina, argilla, sagome e centine, lanciando dadi GH e così via.( naturalmente su riferimenti e misure date dove non è necessario avere precisioni elevate e comunque puoi integrare con geometrie razionali e precisissime dove serve

    (Pezzi meccanici, carter di lamiera e plastica, giunti,spessori,  incastri ecc vale la precisione)

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    a proposito di precisione delle mesh c’è una discussione qui: MESH in doppia precisione

    • Questa risposta è stata modificata 2 anni, 11 mesi fa da  mxp.
  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    Renato Campara

    Un saluto a tutti.
    Io uso Rhino per disegnare gioielli ed utilizzavo Sculptris per l’organico.

    Un’anima pia mi ha consigliato 3dcoat e sto cercando di avvicinarmi per soppiantare Sculptris con qualcosa di più completo.

    Un grazie innanzitutto per questa discussione. Che seguirò.

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

    ciao Renato

    benvenuto nel forum, speriamo di poter sviluppare anche dei tutorial in italiano….

  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648
  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648
  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648
  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648
  • mxp
    Amministratore del forum
    Post count: 648

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.